frida kalo

f13.jpgf14.jpgf8.jpgf9.jpgf10.jpgf11.jpgf12.jpgf1.jpgf2.jpgf3.jpgf4.jpgf5.jpgf6.jpgf7.jpgPer l’intera vita porterà con sé un dolore continuo e lacerante ma nonostante le trentadue operazioni, Frida Kahlo inneggerà alla vita con quella allegria che ha sempre ostentato in pubblico per nascondere invece la tristezza, il dolore, l’angoscia e la sofferenza che manifesterà sempre e comunque nei suoi quadri: un misto di dolore ma anche di forza, quella sola forza capace di reagire anche a situazioni che non hanno rimedio. clicca qui’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Frida Kahlo fece propria l’arte messicana, quella indigena, delle masse a cui legò anche l’impegno politico (fu membro della Lega giovanile comunista) sfociato in solidarietà e accoglienza a Lev Trockij quando arrivò in Messico nel 1937. Organizzò addirittura la partenza per il Messico di quattrocento lealisti spagnoli durante il suo soggiorno parigino: il suo impegno terminò dieci giorni prima di morire quando lei quasi inferma, in sedia a rotelle, partecipò alla manifestazione contro la destituzione da parte della CIA del presidente guatemalteco Jacobo Arbenz Guzmàn.

 

frida kaloultima modifica: 2009-01-14T19:24:00+00:00da luigi238
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “frida kalo

Lascia un commento